Migliori materassi gonfiabili del 2020

Acquistare un materasso gonfiabile significa trovare una soluzione che possa sostituire temporaneamente oppure volendo a lungo termine, il letto tradizionale oppure servirsi di un accessorio che completa il senso di relax in vacanza al mare, in piscina o in campeggio. Di materassi gonfiabili ce ne sono veramente di ogni tipo, forma, dimensione e colore. Possiamo già fare una grande suddivisione che è quella che vede i materassi per interni diversi da quelli da campeggio e quindi da utilizzare sporadicamente. In base alle proprie esigenze e alla destinazione d’uso avremo diversi materassini gonfiabili a disposizione. Per scegliere consapevolmente, abbiamo stilato questa pratica guida che vi permetterà di capire meglio il mondo dei materassini e consentirvi una scelta ponderata.

L’acquisto del materassino gonfiabile è legato spesso anche all’esigenza di ospitare amici e parenti a casa. Non avendo magari a disposizione altri posti letto o camere, il materassino gonfiabile si configura come ottima e validissima soluzione per offrire un giaciglio temporaneo. Naturalmente alcune tipologie di materasso gonfiabile non sono idonee al sonno di tutte le notti poiché strutturalmente inadeguati e promotori di mal di schiena. Per scegliere consapevolmente, abbiamo stilato questa pratica guida che vi permetterà di capire meglio il mondo dei materassini e consentirvi una scelta ponderata.

Caratteristiche strutturali

Per prima cosa, il materasso gonfiabile  ha una struttura tale che non richiede di essere poggiato ad una rete. Questa caratteristica rende il materasso gonfiabile più versatile nelle tipologie e nelle misure che possono quindi variare anche nella forma non dovendo dipendere anche dalla misura della rete, che può essere singola, matrimoniale e anche più grande. Un’altra importante peculiarità del materasso è che si può sgonfiare in qualsiasi momento e sistemare facendo sì che occupi uno spazio irrisorio. Molti di essi sono disponibili all’interno di una custodia che durante l’inutilizzo protegge il materasso da possibili rotture. Alcuni modelli di materasso sono dotati anche di pompa per il gonfiaggio e quindi rendono semplice la preparazione del materasso che vi porterà via soltanto qualche minuto. Potreste poi notare che alcuni prodotti sono dotati di luci a led integrate. Queste sono un optional e servono magari a rendere meno buio l’ambiente dove una persona sta dormendo, facilitandola nel caso in cui si dovesse alzare per raggiungere la cucina o il bagno.

I materassini gonfiabili possono essere dotati di un’unica camera d’aria oppure di due camere d’aria. In quest’ultimo caso avremo due portate differenti (una per lato). E’ il caso questo, dei materassini gonfiabili matrimoniali. In genere in base alle camere d’aria possiamo trovare un’unica portata massima oppure due valori di portata massima. Il produttore può scegliere di fornire una sola portate quindi per esempio 200 kg oppure dare due portate per lato ( 125 kG per lato).

Materassi  gonfiabili da casa

Il materasso gonfiabile è la soluzione ideale per coloro che vogliono ospitare a casa amici e parenti oppure avere un accessorio in più da inserire come complemento d’arredo in una stanza della casa, magari dedicata al relax. La scelta che bisogna fare del materassino per interni è molto differente da quella dei materassini da campeggio. L’altezza e la forma saranno quindi fondamentali per assicurare comodità e spazi ben sfruttati. Il peso del materasso così come il livello di trasportabilità non conteranno poi così tanto proprio perché il materasso in questione è fisso. Per una materassino gonfiabile destinato a casa è bene prestare attenzione ai materiali che faranno sicuramente lievitare il prezzo finale. Rispetto ai materassini da relax sono infatti più robusti e sostengono il corpo in maniera più adeguata. Il materassino gonfiabile da casa ha una portata massima maggiore, che si aggira intorno ai 200/250 kg a seconda del modello e della dimensione. Vi consigliamo di guardare sempre questo dato tecnico che sarà sempre riportato nelle schede tecniche del materassino, proprio per evitare di acquistare prodotti che poi rischiano di lacerarsi.

Materassi gonfiabili da campeggio

Il materasso da campeggio che quindi ha una destinazione d’uso diversa e per tanto ha caratteristiche differenti. E’ facilmente intuibile quali sono le caratteristiche più importanti di un materassino da portare in viaggio, che sia al mare o in montagna: leggerezza e trasportabilità. Il peso del materassino di per sé è irrisorio ma comunque dipende molto dalla dimensione del materassino, che più sarà grande e maggiore sarà il suo peso. In genere questi materassini hanno un’altezza minima, che arriva al massimo a 25 cm per cui non sono propriamente adatti per dormire a lungo e tutte le notti. Se cercate un giaciglio da portare con voi per riprendere energie tutte le notti, vi consigliamo di optare per un prodotto da interni, altrimenti per un uso sporadico potete orientarvi su questi modelli e fare attenzione alla portata massima e al peso del materassino da chiuso. Il materassino da campeggio ha una portata inferiore rispetto al materasso da interno, che può variare naturalmente anche in questo caso in base alle dimensioni effettive. ma a parità di larghezza e lunghezza, la portata si riduce a -50 kg.

La misura adatta

Come qualsiasi complemento d’arredo, e accessorio da tenere in casa, è fondamentale prendere le misure. Importantissimi sono i dati relativi alla profondità, la larghezza e l’altezza. Ma più di ogni altra cosa, è importante conoscere la portata massima. Una volta che stabiliamo se abbiamo bisogno di un materassino da interno oppure di un materassino da relax e da mettere all’aperto, dobbiamo valutare le dimensioni che preferiamo, ma queste devono comunque essere proporzionate al numero di persone che vogliamo il materassino ospiti.

Un materassino da campeggio ha un’altezza che varia fra i 15 e i 25 cm, mentre quelli da interni prevedono un’altezza maggiore che arriva anche a 45 cm circa. La differenza sta nel fatto che i materassini da campeggio sono pensati per un utilizzo sporadico, mentre in casa il materassino dovrebbe essere più comodo e sicuro, e assicurare un sostegno del corpo più robusto in quanto deve durare tutta la notte. Inoltre un’altezza minima metterebbe in difficoltà l’utente che vuole stendersi e alzarsi ogni volta. L’altezza gioca quindi un ruolo chiave. Inoltre i materassini da campeggio spesso si inseriscono all’interno delle tende e per questo necessitano di una dimensione che sia idonea ad entrare in questa fluidamente.

Gonfiare un materassino: istruzioni per l’uso

Una delle attività più odiate quando si ha a che fare con questi materassini è la parte che prevede il pompaggio. Naturalmente non possono essere venduti già gonfiati e pronti all’uso per cui vengono forniti nella maggior parte dei casi, completi di pompa per il gonfiaggio. In base alle dimensioni del materasso, avremo tempistiche  necessarie differenti. ma ciò che ci interessa, non è tanto il tempo quanto il sistema di pompaggio. Come gonfiare un materasso in poco tempo? Abbiamo a disposizione almeno tre modalità di gonfiaggio: pompa elettrica, pompa manuale e a fiato.

La pompa elettrica è sicuramente la metodologia più rapida e comoda poiché non implica alcun dispendio energetico da parte dell’utente. I modelli dalle dimensioni più grandi, tipo quelli da casa necessitano delle pompe elettriche poiché hanno una camera d’aria molto capiente che a fiato o manualmente richiederebbe troppa energia e dispendio energetico, portando anche a demotivare l’acquirente. Per usufruire della pompa elettrica c’è bisogno della corrente elettrica dunque se state andando al mare o in campeggio assicuratevi di avere modo di gonfiare il materassino.

La pompa manuale è una via di mezzo fra il sistema di gonfiaggio a fiato e quello elettrico. In genere questi sono i sistemi di pompaggio che si vedono sulle spiagge che gonfiano quindi in 5 minuti o poco più. Si tratta di strumenti a pedale oppure a mano e sono comodi quando si va in campeggio e non si dispone dell’energia elettrica.

Il sistema di gonfiaggio a fiato è invece un sistema  molto scomodo e dispendioso dal punto di vista energetico, poiché coinvolge direttamente l’aria dei polmoni e per questo non propriamente indicato per coloro che hanno un materassino molto grande da gonfiare. I modelli di materassino da gonfiare a fiato devono essere esclusivamente quelli sottili e con camere d’aria di piccola entità. Nell’acquistare un materasso da interno e quindi alto e profondo, è necessario assicurarsi che ci sia anche un kit di pompaggio idoneo.

Fra i modelli più comodi esistono anche quelli che si gonfiano automaticamente, ossia che sfruttano un sistema che prevede delle valvole che una volta aperte, aspirano l’aria e fanno si che il materassino si gonfi.

Comfort del materassino gonfiabile

Un aspetto assolutamente decisivo del materasso gonfiabile è il confort. Il motivo principale per cui si utilizza e si acquista un materasso gonfiabile è il relax. Fra i requisiti primari c’è quindi il livello di confort offerto dal materassino. Un materassino ad aria può essere per qualcuno anche più comodo di un materassino a molle, in lattice o in schiuma. Tutto dipende dalla qualità del prodotto e da alcuni elementi quali gli strati che compongono il materassino e il tipo di sostegno.

Per un confort di buon livello è necessario che il materassino sia realizzato a strati e che ogni strato sia diviso dall’altro da fessure laterali che permettono di gestire le lenzuola e la biancheria sul materassino. I materassini ad aria non possono dare calore infatti e quindi necessitano di coperte se vengono utilizzati durante l’inverno. Inoltre il tipo di materiale è fondamentale per evitare il classico rumore plastico molto fastidioso. Se cerchiamo un materassino dove dormire regolarmente assicuriamoci che gli strati siano in tessuto e non in PVC. Il materiale in questione è detto rivestimento “floccato” che ha la funzione di trattenere le lenzuola e di risultare morbido e confortevole al tatto. Anche nel caso in cui lo si utilizza d’estate senza coperte, questo materiale è realizzato proprio affinché non rechi fastidio.

Fra gli strati più importanti e confortevoli ci sono poi i materassini gonfiabili dotati di uno o due strati in memory foam che è caratteristico per trattenere il calore e distribuire in maniera omogenea il peso del corpo. Da queste caratteristiche capiamo bene che il materassino di questo tipo è l’ideale da utilizzare in casa e regolarmente.

Altro aspetto importantissimo dei materassini gonfiabili è il sostegno che offrono. Un materassino gonfiabile deve dare un sostegno importantissimo al corpo, non afflosciarsi ed essere abbastanza rigido, non consentendo al corpo di affondare all’interno del materassino. A seconda della qualità del materassino, avremo una pressione differente sulle pareti ed una capacità di reggere il peso diversa a seconda del modello e di come sono distribuite le camere d’aria.

A livello di distribuzione del peso e di sostegno a livello delle camere d’aria, il problema maggiore si viene a configurare con i materassi matrimoniali che tendono a creare un avvallamento al centro. Questi casi si verificano soprattutto quando la camera d’aria è unica in tutto il materasso matrimoniale. Per ovviare al problema e dare maggiore confort e sostegno può essere utile cercare un materassino con doppia camera d’aria. Se vogliamo aumentare ancor di più il sostegno del letto e il confort di chi dorme, possiamo cercare un materassino che abbia i bordi rialzati e che ci impedisca di scivolare verso l’esterno e una zona poco più rialzata a livello del capo.

Accessori utili del materassino gonfiabile

I kit di riparazione sono essenziali per non dover buttare il materassino che sarebbe altrimenti inutilizzabile. In ogni caso spesso è offerta in dotazione anche una custodia o una borsa dove riporre il materassino evitando incidenti di sorta. Questi sono essenziali soprattutto per i materassini da campeggio che vengono quindi maneggiati più spesso e sono più degli altri sottoposti a sballottolamenti e trasferimenti in valigia e in borsa. La custodia è importante anche per evitare che la plastica sia troppo a contatto con il calore e con l’umidità e che per questo possa con il tempo deteriorarsi.  Oltre al kit di riparazione e alla pompa manuale oppure elettrica ci sono diversi accessori che possiamo utilizzare insieme al materassino gonfiabile. Fra questi ricordiamo una tenda para sole removibile, una borsa termica e diversi spazi per poggiare bibite e bicchieri, molto utili per i materassini che vengono portati al mare o in campeggio.  Alcuni modelli hanno addirittura delle aperture, piccole piscinette da riempire con l’acqua e che danno la possibilità di rinfrescare i piedi; così come i cuscinetti per poggiare la testa, la maniglia per agevolare il trasporto.

Riparare un materassino ad aria

Può capitare con molta facilità che il materassino si fori e che quindi diventa difficile l’utilizzo e venga meno il sostegno del materassino. Alcuni kit di materassini gonfiabili oltre alla pompa di gonfiaggio, prevedono in dotazione anche un kit di riparazione che rende possibile mettere una toppa al foro. D’altronde può non essere semplice individuare il foro del materassino che spesso è talmente piccolo da risultare invisibile. In genere per ovviare a questo problema ed individuare il punto di perdita di aria, basta cospargere il materassino di acqua e sapone e nel punto in cui vedremo delle bolle di sapone, quello sarà il punto di perdita d’aria. Nel momento in cui cospargiamo il materassino di sapone e acqua, questo dovrà essere sgonfio e solo nel momento in cui lo gonfieremo vedremo delle bolle, proprio per effetto dell’aria. Questo è un validissimo metodo per individuare i punti di scarico. A quel punto segnate con un pennarello o un pezzetto di scotch il punto di lacerazione e applicate la toppa che trovate in dotazione. Nel caso in cui non doveste disporre di alcuna toppa, potete acquistarla su Amazon a prezzi irrisori.

Materiali

La quasi totalità dei materassini gonfiabili sono realizzati in PVC. La scelta di questo materiale è dovuta alle caratteristiche di questo materiale che è molto resistenti ed elastico. Il PVC viene regolarmente impiegato per la realizzazione di moltissimi accessori che hanno una lunga durata. Tuttavia oltre al PVC di base, ci possono essere dei materiali e degli strati  di tessuto che consentono di avere un confort e un’esperienza sul materassino decisamente più piacevole. Fra questi tessuti, che vengono per lo più impiegati per la produzione di materassini da interno, ci sono il cotone o il tessuto floccato, che conferiscono una sensazione molto simile al velluto o allo scamosciato. Si tratta di materiali che garantiscono alla pelle di traspirare e sono generalmente più costosi rispetto ai materassini che sono realizzati di solo PVC. Specialmente d’estate, è importante assicurarsi un buon rivestimento per evitare di sudare e restare quasi appiccicati al materassino. Se il materassino lo portate al mare, in campeggio, in montagna è bene verificare che ci sia anche una componente di impermeabilità che protegge quindi il materassino da tutti gli agenti esterni.

Marchi e prezzi

Le case produttrici di materassini gonfiabili sono tante. E’ importante affidarsi sempre a brand conosciuti e che diano un minimo di garanzie. Costi eccessivamente bassi o acquisti sulla spiaggia non giovano e non offrono nessuna qualità. Il rischio di lacerazioni è molto alto e se non si acquista un materassino ad hoc probabilmente non avrete nemmeno modo di riparare le toppe e i fori. Online ci sono diversi marchi come Pavillo, Relefree, Intex, Piaek, Bestway e Iregro che propongono su Amazon diversi modelli, di forme e dimensioni differenti, che oltre ad avere un ottimo design sono anche robusti e confortevoli. Si possono scegliere fra i modelli da riposo e da gioco e relax, in base alle proprie esigenze, verificando la presenza di accessori utili nel kit come la custodia e la pompa di gonfiaggio.

In base ai materiali e agli accessori oltre che alla dimensione, avremo modo di scegliere fra differenti fasce di prezzi. In genere i modelli più costosi sono quelli di tessuto floccato, completi di pompa elettrica e kit di riparazione, che magari hanno anche una garanzia e un assistenza post vendita. Questi modelli possono arrivare a costare anche 50-60 euro, contro i 15 euro dei materassini semplici e privi di accessori.

Anna Silvestrini

Back to top
Scelta Materassi gonfiabili